News

4 9 2020

Covid-19, gli Ortodontisti: "Gli studi italiani sono sicuri"

Nei giorni scorsi sui media nazionali ampio risalto è stato dato ad una nuova raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L’istituzione internazionale ha consigliato, in un documento ufficiale, di rimandare i trattamenti odontoiatrici non urgenti (tra cui controlli, pulizia dentale e cure preventive o estetiche) per poter così ridurre al minimo i possibili contagi da Covid-19. Al tempo stesso è stato suggerito di svolgere solo i trattamenti più urgenti e non rinviabili. Come Società Italiana di Ortodonzia vogliamo ribadire quanto abbiamo già dichiarato più volte negli ultimi mesi: i nostri studi sono sicuri. Invitiamo quindi tutti gli italiani, che ne hanno bisogno, a contattarci e a proseguire con cure e trattamenti.

Fin dall’inizio della “Fase Due” della pandemia abbiamo infatti adottato tutta una serie di misure di prevenzione concordate con le istituzioni sanitarie del nostro Paese. Utilizzo di dispositivi di sicurezza specifici, ingressi negli ambulatori regolamentati, il ricorso alla telemedicina, triage telefonico prima delle visite sono alcune delle accortezze che prendiamo regolarmente da oltre due mesi. Il documento redatto dall’OMS vuole giustamente mettere in guardia dai rischi di contagio che possono verificarsi in un ambulatorio medico se alcune norme non sono rispettate. Inoltre è stato redatto e diffuso proprio in quest’ultime settimane e quando cioè il numero di nuovi casi in tutto il mondo sta crescendo. La pandemia sarà probabilmente ancora molto lunga e adesso non siamo in grado di dire quando potremo tornare alla “normalità”.

Per tutti questi motivi come Società Scientifica ci siamo organizzati per dare un supporto concreto ai nostri associati e informazioni corrette ai cittadini. Il nostro obiettivo primario rimane quello di garantire l’assistenza a milioni di persone e al tempo stesso tutelare la salute di operatori e pazienti.

B. Giuliano Maino

Presidente Nazionale SIDO